La tortura costituisce una violazione dei fondamentali diritti umani, è condannata dalla comunità internazionale come un’offesa alla dignità umana e proibita in ogni circostanza dal diritto internazionale.

Ciò nonostante, continua ad accadere quotidianamente in ogni parte del mondo.

Tre quarti dei paesi del mondo hanno applicato la tortura negli ultimi tre anni.

Chi viene torturato, a un dolore fisico lancinante, aggiunge la sensazione che la sua storia non verrà mai conosciuta. Rendere note le storie delle vittime della tortura è un modo per rendere loro, almeno in piccola parte, giustizia.

Occorrono provvedimenti immediati per affrontare la tortura e gli altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti ovunque avvengano e per abolire queste pratiche in modo definitivo. La tortura oggi è dunque un problema mondiale e questo sarà il messaggio basilare dell’azione di Amnesty International.

Aggiornamenti