Regional Action Network for Colombia



  • Nome ufficiale: Repubblica di Colombia
  • Superficie: 1.141.748 km2. È il 4º paese piú grande dell’America del Sud dopo il Brasile, Argentina e Perù.
  • Confini: Nord: mar caraibico - Sud: Perú, Ecuador - Est: Venezuela, Brasile; Ovest - Oceano Pacifico, Panama
  • Capitale: Santafé de Bogotà (6.573.000 abitanti e 2.600 m)
  • Lingua: La lingua ufficiale è lo spagnolo. Sono parlate anche diverse lingue indigene, nelle isole di San Andrés y Providencia si parla pure l’inglese.
  • Festa nazionale: 20 luglio, giorno dell’indipendenza
  • Religione: Cattolica 95%
  • Flusso orario: 6 ore
  • Principale isole: arcipelago di San Andrés y Providencia nel Mar dei Caraibi; Gorgona, Gorgonila e Malpelo nel Pacifico
  • Moneta: L’unità monetaria è il Peso colombiano. Il tasso di cambio al 15 settembre 2003 è di 3312,38 pesos per 1 euro
  • Ambasciata italiana in Colombia: Bogotá, calle 93B, Nº 9-92 Tel: (00571) 2186604, 6107138, 6163139
  • Tipo di governo: repubblicano, il potere esecutivo domina la struttura di governo
  • Divisioni amministrative: 32 regioni e 1 distretto capitale*; Amazonas, Antioquia, Arauca, Atlantico, Bolivar, Boyaca, Caldas, Caqueta, Casanare, Cauca, Cesar, Choco, Cordoba, Cundinamarca, Guainia, Guaviare, Huila, La Guajira, Magdalena, Meta, Narino, Norte de Santander, Putumayo, Quindio, Risaralda, San Andres y Providencia, Distrito Capital de Santa fe de Bogota*, Santander, Sucre, Tolima, Valle del Cauca, Vaupes, Vichada
  • Costituzione: 5 Luglio 1991
  • Sistema legale: basato sulla legge Spagnola; un nuovo modello criminale sulla base delle procedure americane è stato emesso nel 1992-93; atti esecutivi e legislative soggetti a revisioni giudiziaria; accetta giurisdizione internazionale forzata, con riserve
  • Suffragio: dai 18 anni; universale
  • Capo dello stato e di governo: Presidente Alvaro URIBE VELEZ (dal 7 Agosto 2002); Vice Presidente Francisco SANTOS (dal 7 Agosto 2002)
  • Orografia: In Colombia le Ande si dividono in tre catene da sud a nord -orientale, centrale ed occidentale- che nascono al sud, nel Massiccio Colombiano. Da lì partono anche i due principali fiumi del versante atlantico: il Magdalena ed il Cauca (conosciuto per il suo buon clima e risorse agricole), il primo dei quali separa la cordigliera orientale dalla centrale, ed il secondo, la centrale dell'occidentale. L'insieme andino e le valli di entrambi i fiumi coprono approssimativamente un terzo di quello territorio e sono la parte popolata e migliore sviluppata del paese. Oltre le tre cordigliere, ci sono due catene montuose indipendenti: la Sierra Nevada de Santa Marta ed la Sierra della Macarena; e vari sistemi montuosi minori nella Alta Guajira, il Chocó e nella frontiera col Panamá.
    All'Est della cordigliera orientale, la Colombia si prolunga in un'estesa pianura - le pianure Orientali (Llanos Orientales)- attraversata da grandi fiumi che scendono a ventaglio dalle Ande e che fanno parte del bacino dell'Orinoco (Meta, Arauca, Casanare, Vichada, Inírida e Guaviare), fino all'Orinoco stesso che fa di frontiera col Venezuela. Le Pianure si spartiscono in due sezioni: la savana con un buon drenaggio e la savana non. Si impiegano nell'allevamento estensivo e coltivazioni stagionali.
    Al Sud del Fiume Guaviare incomincia la selva che va in transizione da un primo settore sull'Orinoco, piò o meno verso la metà del tragitto orientale della frontiera, fino ad un esteso territorio amazzonico che occupa tutto il terzo Meridionale del territorio. In questo segmento la Colombia confina col Brasile (all'Est), Perú (al Sud) e Ecuador (al Sud-ovest). Questa regione è attraversata da un'altra serie di grandi fiumi: Nero, Vaupés, Apaporis, Caquetá e Putumayo. Abbonda la selva vergine ed abitano tribù principalmente indigene.
    Le Pianure e la Selva sono un pò più della metà della superficie nazionale e una popolazione minore del 5 percento sul totale. Geologicamente i suoli più antichi stanno precisamente in questa zona che fa parte del "Escudo Guyanés", a partire dal quale si andarono generando le cordigliere, da Est ad ovest.

    La Colombia andina è una zona ancora instabile della crosta terrestre. Le Ande divise in tre catene - la cordigliera Occidentale, Centrale e Orientale - corrono verso nord per scomparire nei Caribi.

    • La Cordigliera Occidentale (4.250 m), tagliata a sud dalla gola del Fiume Patía, è separata dalla Corgliera Centrale, a est, dal Fiume Cauca, che si allarga in vari bacini di diversa ampiezza (Valle del Cauca, larga 25 km e lunga 200 km).
    • La Cordigliera Centrale la catena più alta della Colombia. Vi si ergono numerose cime vulcaniche coperte di neve: Nevado de Tolima (5.620 m), Nevado del Ruiz (5.400 m) e Nevado del Huila (5.750 m). A nord l'altitudine diminuisce e la catena termina bruscamente tra i fiumi Cauca e Magdalena.
    • Infine, la Cordigliera Orientale è una catena a pieghe, che nella parte settentrionale si trasforma in una serie di altipiani oltre la quota dei 2.500 m.

    Le regioni situate, invece, sul mare delle Antille differiscono sensibilmente dalla regioni andine. Nella parte nord orientale si eleva bruscamente la Sierra Nevada de Santa Maria, con la più alta cima della C. (5.775 m, picco Cristoforo Colombo), massiccio triangolare, isolato
  • Clima: Il clima della Colombia è assai vario. Non ci sono stagioni qui; il clima dipende dell'altitudine, e cosi la costa del Pacifico è per lo più calda e desertica, le pendici delle Ande un'eterna primavera, mentre sulle cime c'è sempre freddo e ghiaccio. Nel nord, lungo la costa caraibica, l'estate dura tutto l'anno.
<< Back to RAN <<